Info: Your browser does not accept cookies. To put products into your cart and purchase them you need to enable cookies.

Archigram/Metabolism
View Full-Size Image


Archigram/Metabolism

Utopie negli anni Sessanta
Marco Wolfler Calvo
introduzione di Fabio Mangone



Price: €7,50 (including 22 % tax)




formato: pdf
collana:
anno pubblicazione:
dimensioni cartaceo:
pagine:
immagini:
ISBN:
architettura/progetti
2007
23x21
132
54 b/n, 30 a colori
978-88-8497-280-4
Tra la fine degli anni Cinquanta e i fantastici anni Sessanta il mondo dell’architettura sembra non poter fare a meno della nozione di megastruttura: ovunque si guardi fioccano immagini di architetture, ora mastodontiche ora futuribili, che hanno come unico denominatore comune quello di voler fare tabula rasa rispetto all’architettura fino ad allora prodotta. Tra i vari gruppi progettuali una pagina a sé spetta ad Archigram e Metabolism. Questo volume si è posto l’obiettivo di individuare i limiti della storiografia canonica e di fornire nuove possibili chiavi interpretative. Si ripercorre il cammino dell’utopia architettonica, partendo dal primo ‘900 e cioè dal macchinismo ludico-futurista di Sant’Elia alle prefigurazioni espressioniste e costruttiviste di Taut e Chernikov, passando per i “progenitori” dell’utopia megastrutturale attraverso le sperimentazioni dei maestri del Movimento Moderno quali Le Corbusier, sino ad arrivare alle utopie tecnologiche sostenute da Fuller e Wachsmann. Si è voluto anche aprire una finestra su ciò che in quegli anni accadeva in Italia, attraverso il lavoro dei gruppi radicali Archizoom e Superstudio, la cui singolare posizione critica, per alcuni versi nichilista, ha sancito insieme agli Expo di Montreal (1967) e di Osaka (1970) il tramonto dell’utopia megastrutturale, la cui eredità sarà soltanto in parte raccolta in alcune architetture contemporanee.

altri formati disponibili
cartaceo 15,00 € (-15% di sconto) guarda e acquista